MeseMontagna
gio 4 nov 2010
A Vezzano l'alpinismo al femminile e l'universo di Manolo

Da venerdì 5 novembre la passione per la montagna porta a Vezzano, dove inizia un mese intenso di incontri, testimonianze, film, libri, foto. Il primo appuntamento alle 20.30, al Teatro Valle dei Laghi, ha molti spunti di interesse: musica, ricordi, immagini, ma soprattutto ha il pregio di proporci una montagna al femminile. Ci saranno infatti: una scalatrice famosa, Francesca Raffaelli, la prima trentina a salire sull’Everest, una giovane e appassionata novizia della parete, Francesca Noceti, e la moglie di un alpinista, Antonella Beatrici. Insieme a loro ci sarà un protagonista maschile che non ha bisogno di presentazioni, Maurizio Zanolla, meglio noto come Manolo, guida alpina, scalatore tradizionale e poi free-climber duro e puro, capace di dire, nonostante la fama e le imprese, che l’arrampicata è emozione al di là del grado e delle difficoltà. Emozione e montagna si intrecciano inevitabilmente e ciascuno in questa serata, intitolata poeticamente “Vivere la montagna tra terra e cielo”, la racconterà a modo suo. La Raffaelli con l’esperienza di chi ha già alle spalle un traguardo importante, anzi sommo, la Noceti con la passione e la voglia di scoprire di chi è al principio, la Beatrici con la prospettiva di chi sta a casa e Manolo con la semplicità di chi sa fare cose eccezionali rimanendo se stesso.
Ci sarà in spirito anche Walter Nones, che l’anno scorso chiudeva la quarta edizione di MeseMontagna e che quest’anno, all’apertura della quinta, sarà ricordato con la commozione che merita un grande alpinista che è “andato avanti”. A lui saranno dedicate una parte delle canzoni che il Coro Valle dei Laghi proporrà durante la serata.
In apertura verranno premiate le migliori foto del concorso-mostra organizzato dal Gruppo Culturale di Vezzano dal titolo “I sentieri dell’uomo”. Le foto, esposte nel foyer del teatro, saranno visibili per tutto il mese della manifestazione.
MeseMontagna ritornerà mercoledì 10 sempre al Teatro di Vezzano con due film premiati al Trento Film Festival, che da quest’anno porta un importante contributo alla manifestazione. Dopo questa, ci sarà un’altra serata dedicata al cinema di montagna, il 24 novembre, con due pellicole. Sempre il 24, nel pomeriggio, Daniele Redaelli presenta il libro “Cento anni in vetta”. Da segnalare il giorno successivo l’incontro con un volto noto della tv italiana, Luca Mercalli, meteorologo e non solo nella trasmissione di Fazio, per parlare dei pericoli che corre l’ambiente, e quello alpino, si sa, è particolarmente delicato.
L’ultimo appuntamento è per venerdì 26 novembre con “Amicizia oltre gli 8000”, che mette insieme tre alpinisti di grande esperienza: Marco Confortola, Angelo Giovanetti e Roberto Manni.
In tutto, oltre a quelli brevemente citati, sono dieci gli appuntamenti di MeseMontagna, manifestazione nata in punta di piedi nel 2006 e cresciuta grazie all’interesse spontaneo della gente, come racconta l’anima della manifestazione, Gianni Bressan, vicesindaco e assessore allo sport di Vezzano. È stato un successo dal basso che anno dopo anno ha spinto gli organizzatori, Comune di Vezzano, Gs Fraveggio e Cai-Sat sez. Valle dei Laghi, a continuare.
Le serate sono gratuite, mentre per i film c’è un biglietto di 2,50 euro.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,594 sec.
Cerca nelle news

Inserire almeno 4 caratteri